Il processo mediatico

Due esigenze insopprimibili: i giornalisti devono informare, in quanto “cani da guardia” della democrazia; i cittadini devono essere garantiti nella loro privacy e tutelati dalla gogna mediatica.

E dunque: si può spezzare il corto circuito tra procure, media e opinione pubblica? E come?